Quell’enorme lapide bianca

Home|Società|Quell’enorme lapide bianca
Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

VENERDI’ 7 febbraio a Macerata presso l’Auditorium dell’Università ( Via P.M. Ricci n. 2), nell’ambito della Rassegna “Lo scrigno della Memoria” l’Associazione Controvento  celebrerà il GIORNO DEL RICORDO in collaborazione con il Dipartimento di Studi Umanistici. L’ingresso è libero e gratuito.

Questo il programma dell’evento

ore 10: saluti delle Autorità

ore 10.30 spettacolo di Radioteatro con il doppiatore Luca Violini “Quell’enorme lapide bianca” (in memoria della tragedia delle genti Istriane, Fiumane, Giuliane e dalmate).Questo spettacolo, che ha debuttato in prima nazionale alla Camera dei Deputati nel 2009 presso la Sala della Lupa, è nato  per  dimostrare che non ci sono morti rossi, neri o azzurri, né memorie di serie A o di serie B. In ogni vergognosa pagina della storia, in ogni tipo di esecuzione o sterminio ci sono solo vittime, che sono persone. Con i loro affetti, i loro sogni, lo loro dignità. Persone che non ci sono più e che pretendono di essere ricordate per quanto di ingiusto e malvagio hanno subito. La storia, dolorosa e a lungo dimenticata, è quella delle Foibe. E a raccontarcela sono due amici: lo sloveno Ive e l’italiano Enrico in una conversazione intima e privata, caratterizzata da un dialogo molto intenso. Ne è venuto fuori qualcosa che non pretende di rispondere a un dramma così gigantesco. Si propone solo – come invoca Enrico verso la fine del testo – di appoggiare un fiore rosso sulla lapide che ognuno di noi ha nel cuore. Un metaforico fiore che non è vuota celebrazione o sterile omaggio alla memoria, ma che vuole scatenare un presa di coscienza forte verso la tragedia delle genti Istriane, Fiumane, Giuliane e Dalmate, attraverso uno spettacolo che non nasce per fornire strumenti propagandistici a questa o quella parte ma che, al contrario, ci stimola a capire e ricordare. Perché solo il ricordo può impedire che cose del genere succedano ancora.

Voce recitante: Luca Violini
 Testo: Paolo Logli
 Consulenza storica: Piero del Bello
 Musiche originali :Gabriele Esposto
 Suono e luci: Riccardo Vitali

ore 11.30: testimonianze di Franco Rismondo e Livilla Sivocci e interventi di Giorgio Giannini, Antonio Maria Orecchia, Marco Vigna

a seguire: Tavola rotonda